martedì 21 febbraio 2012

*Bocconcini alla mela annurca e mandorle*

"Dulce est desipere in loco" - Orazio

E' dolce dimenticare la saggezza al tempo opportuno.
Si inizia a farlo da bambini. Per una volta, al massimo per due o tre giorni, si può essere qualcun altro. Si possono vestire, letteralmente, i panni di qualcun altro, che siano di una maga o di un cowboy o dell'imperatore galattico di qualche remoto sistema solare.
Diciamoci la verità, è il Carnevale la festa preferita dai bambini. Certo, a Natale ci sono i regali ma vuoi mettere con la soddisfazione di andare in giro vestita da Biancaneve? O con la gioia di fare un'imboscata di coriandoli e stelle filanti ai propri amici?

I dolci fritti fanno parte del rito del Carnevale in tutta Italia, da Nord a Sud. Se cercate altre golose ricette  tradizionali di questa festa così allegra date un'occhiata al nuovo numero di Open Kitchen Magazine. In questo numero si parla di Carnevale, di suggerimenti e ricette per dei tête-à-tête romantici e c'è l'intervista a Mattia Poggi, lo chef di Alice Tv. Curiosi? Andate a leggerlo, è gratuito ed è on line ;)


Il latte di mandorle dona a questi bocconcini un profumo e un sapore molto delicati. Si compra nei negozi biologici o nei super mercati più forniti, se non riuscite a trovarlo sostituitelo con il latte che preferite (ad alta digeribilità, di riso o di soia se volete mantenere la versione senza lattosio) e sostituitene un paio di cucchiai con il liquore Amaretto. Dosi per 4 persone
{Bocconcini alla mela annurca e mandorle}


370g di farina 00
30g di farina di mandorle
1 bustina di lievito per dolci
3 cucchiai di zucchero di canna
2 uova medie
200ml di latte di mandorle non zuccherato
2 mele annurche (circa 180g)
un pizzico di sale
olio di arachidi per friggere
zucchero a velo 


Pulite le mele eliminando la buccia e il torsolo. Tagliatele a pezzetti molto piccoli e mettetele ad asciugare su un foglio di carta da cucina.
Setacciate la farina con le mandorle e il lievito per dolci.
Sbattete le uova con lo zucchero di canna, aggiungente il latte di mandorle e il sale.
Unite la farina e mescolate fino ad ottenere un composto cremoso e denso senza grumi. Se necessario aggiungete un altro cucchiaio o due di latte di mandorle.
Aggiungete per ultime le mele e mescolate per amalgamarle al composto.
Con un cucchiaio da gelato, o con due cucchiai, formate delle palline e friggetele in abbondante olio caldo per qualche minuto finché avranno un bel colorito dorato.
Scolatele su carta assorbente e ricopritele con zucchero a velo.
Servite tiepide.

14 commenti :

  1. Per il Carnevale è obbligatorio friggere almeno un po'! E con questi risultati poi viene ancora più voglia :)

    RispondiElimina
  2. Semplicemente deliziosi questi bocconcini!! Li voglio!!!! Un bacione cara!

    RispondiElimina
  3. Brava cara Annamaria, una ricetta meravigliosa e una collaborazione doc! e a carnevale tutto vale, travestirsi ed eccedere...io lo farei con questi bocconcini, che ancora non ho avuto tempo di preparare. Buona giornata!:)) mony

    RispondiElimina
  4. Le mele anurche sobno le preferite del mio papà.
    Lui le adora, quando può fa gli occhi da cucciolo abbandonato per farmele comprare.

    Se le metto poi in una pastella fritta l'ho comprato per sempre!

    Ottima davvero questa ricetta

    RispondiElimina
  5. sono a dir poco invitantissimi complimenti

    RispondiElimina
  6. Ma che buoni questi dolcetti! Perfetti per Carnevale e non solo! Sono talmente invitanti e golosi che li mangerei tutto l'anno!

    RispondiElimina
  7. una ricetta da provare assolutamente, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. ma quanto è buono il matrimonio mele e mandorle??? per me è una bbinamento fantastico... certo, se poi mi ci metti pure che sono dolcettini fritti... sto svenendo!!!

    RispondiElimina
  9. Che delizia! Non ho fritto niente epr questo carnevale....questi docletti devono essere davvero goduriosi!! :D

    RispondiElimina
  10. Troppo buoni questi dolcetti alla mela,da provare sicuramente Ciao

    RispondiElimina
  11. mela annurca??...ma é una vita che non la mangio...mi riporta alla mia Napoli...!!...la ricordo piccola ma super saporita!!...prelibatezze del sud...

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola