lunedì 30 luglio 2012

*Torta Battenberg*


C'era una volta una principessa. Si chiamava Victoria in onore della celebre regina inglese, sua nonna.

Victoria era una principessa atipica per l'epoca. Era una giovane donna che amava i libri, che sognava di viaggi e esplorazioni china sulle mappe nella biblioteca di famiglia, che era di mentalità aperta e che si sposò per amore. Lui, ovviamente, era un principe. Sguardo fiero, capelli scuri tenuti in estremo ordine da una disciplinata e vistosa scriminatura, baffetti e barba a punta come si usava all'epoca ed un'affascinante divisa da ufficiale della marina inglese. Il suo nome era Louis e Victoria decise di sposarlo nonostante il parere contrario del padre. Per il loro matrimonio i cuochi reali inventarono questa torta che omaggia nei colori del motivo a scacchi rosa e giallo lo stemma del principe Battenberg.


Come i dolci nuziali di un tempo è un trionfo di mandorle, colori delicati, eleganza e semplicità. Sembra più difficile di quanto non lo sia in realtà, basta giusto un pizzico di precisione nel tagliare il dolce nelle giuste dimensioni ed è un lavoro che può essere semplificato dallo stampo apposito.
Provateci, affondate la forchetta da dessert in una torta d'altri tempi e immergetevi in un mare di rosa e fantasie principesche.



{Torta Battenberg}

Per la sponge semplice :
175g burro morbido
175g di zucchero di canna
140g farina 00
50g farina di mandorle
1cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
1/4 cucchiaino di sale
3 uova medie
I semi di mezza bacca di vaniglia
1/2 cucchiaino di estratto di mandorla amara

Per la sponge colorata:
175g burro morbido
175g di zucchero di canna
140g farina 00
50g farina di mandorle
1cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
1/4 cucchiaino di sale
3 uova medie
I semi di mezza bacca di vaniglia
1/2 cucchiaino di estratto di mandorla amara
 Poche gocce di colorante rosa o rosso
200g marmellata di albicocca
1kg di marzapane
Zucchero a velo


Accendete il forno a 180'C
Mescolate il burro morbido con lo zucchero e i semi di vaniglia fino a renderlo cremoso. Aggiungete un uovo alla volta mescolando con cura per amalgamare il tutto. Setacciate le farine con il lievito e il sale fino per evitare grumi ed unitele alla crema. Unite infine l'estratto di mandorle, ripetete per la sponge colorata aggiungendo in più il colorante.
Versate ogni impasto in una teglia da plumcake e cuocete per circa 30min o finché le torte sono cotte (verificate infilando uno stecchino, se estraendolo è pulito la torta è cotta).
Lasciate raffreddare le torte prima di tagliarle.
Usando un righello dividete il plumcake in due parti uguali larghe e profonde 4-5cm ottenendo così due rettangoli uguali. Ripetete il procedimento sulla torta rosa. Le parti in eccesso potete mangiarle comunque ;D
Scaldate la marmellata in un pentolino, con un pennello ricoprite tutti gli angoli dei 4 rettangoli alternandoli nei colori come nelle foto.
Stendete il marzapane su una spianatoia spolverata di zucchero a velo e ricoprite la torta premendo per fare aderire il marzapane al dolce. Eliminate con un coltello le due estremità del dolce con il marzapane in eccesso. Lasciate compattare il dolce in frigo.
Servite a temperatura ambiente.
Dose per 4-6 persone

31 commenti :

  1. che favola meravigliosa... la torta poi, complimenti

    RispondiElimina
  2. ma e' davvero bella e storica!

    RispondiElimina
  3. bellissima!!!!!!! sia la favola che la torta!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  4. Bellissima la storia che non conoscevo ma ancora di piu questa meraviglia golosa...sei proprio bravissima!!Baci,Imma
    P.S. Approfitto di questo post anche per segnalarti il mio nuovo contest dedicato ai dolci al cucchiaio in collaborazione con Fissler…ti aspetto!!!!

    RispondiElimina
  5. Mi sembra di essere nel paese delle meraviglie!

    RispondiElimina
  6. s-p-e-t-t-a-c-o-l-o! A parte il dolce troppo carino e goloso (amo il profumo delle mandorle), ma questa storia romananticissima non la conoscevo proprio! Grazie per questo fantastico post!

    RispondiElimina
  7. Che bella questa storia e che bella questa torta. Non la conoscevo, ma mi sono innamorata all'istante di questi colori delicati e della sua apparente semplicità. Bravissima:)

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia, una torta golosa e splendida, molto d'effetto! Bravissima, complimenti! :) Un bacione, buona settimana :)

    RispondiElimina
  9. Oddio troppo buona!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Stupendi questi cubotti, sembrano un quadro!

    RispondiElimina
  11. Che bella!!! *o* Non la conoscevo...è davvero uno spettacolo!! Grazie per averci regalato questo pizzico di storia!! :D

    RispondiElimina
  12. Bella bellissima! Ma troppo buona per non esser mangiata!!!

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il tuo sito, davvero interessante! da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu

    RispondiElimina
  14. Ciao Annamaria, questa torta è proprio un sogno! Stupenda, come il tuo blog che ho appena scoperto
    Norma

    RispondiElimina
  15. hai mai visto questo film? http://cookingmovies.blogspot.it/2010/12/young-victoria-romantico-come-un.html
    racconta la loro storia.. delizioso! come questo dolce :-)

    RispondiElimina
  16. ops, mi sono sbagliata.. il film narra la storia di victoria la nonna.. tu parli di sua nipote! cmq la storia dei due amori è simile, per qsto mi sono confusa :-) se ti capita cmq il film è carino! a presto

    RispondiElimina
  17. Ti è venuto benissimo! Belle foto e ricetta con tanto di storia! Bravissima!

    RispondiElimina
  18. Bellissima,un vero classico della pasticceria britannica.E' un peccato che le Battemberg in vendita nei supermercati inglesi siano immangiabili.Fatta a casa e' veramente un'altra cosa!!
    Un salutone!

    RispondiElimina
  19. Bellissimo dolce.. molto elegante!
    Per una regina :)
    brava!

    RispondiElimina
  20. stupenda, deve pure essere super golosa!

    complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)

    da pochissimo ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  21. l'ho sempre ammirata da lontano e non l'ho mai fatta... ora però ho voglia di prendermi lo stampo apposito e di farla subito! é bellissima nei colori così tenui, la storia non la sapevo, ma che ganza che era la regina!!!! :D

    RispondiElimina
  22. Mi sono fatta un piacevolissimo giro in tutto il tuo sito e sono rimasta così *O*
    Io pasticcio solo da poco tempo e a vedere sti capolavori mi viene voglia di mettermi a fare un dolce!!
    Complimentissimi, ti sei conquistata una nuova follower ;D

    RispondiElimina
  23. Io che adoro le storie e i dolci trovo questo post fantastico....

    RispondiElimina
  24. Ciao! complimenti per il blog, davvero carino e ricco di ricette interessanti e spunti creativi! Mi unisco fra i tuoi sostenitori per non perdermi le tue prossime realizzaioni!
    Passa da me, se ti va, condivideremo nuove idee culinarie!
    A presto!

    RispondiElimina
  25. Parole & Palato... che mix accattivante! Piacere!

    RispondiElimina
  26. molto interessante!
    ti seguo con piacere ;)

    RispondiElimina
  27. che meraviglia.
    pensa ne ho vista una versione su un libro pochi giorni fa, ma questa tua è davvero delicata ed elegante mi piace davvero molto!

    RispondiElimina
  28. Complimenti! Sarà la prossima che proverò, seguendo i tuoi consigli ;-)

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola