martedì 29 maggio 2012

*Torta al cioccolato e burro di arachidi*


Quello che c'è dietro ad una torta lo sa solo chi l'ha cucinata. Il dilemma interiore della scelta (cioccolato sì o cioccolato no), l'attenzione nello stilare la lista degli ingredienti per sfruttare al meglio il momento spesa (dove dimentichiamo sempre qualcosa), la gioiosa incertezza al momento di infornare (lieviterà o non lieviterà) e il senso di sollievo e soddisfazione quando gli altri, dopo il primo morso morso, ammettono che è buona. Sì, cucinare dolci per me è emozionante e so di non essere l'unica a pensarla in questo modo.

Alzi la mano chi non hai mai incrociato le dita davanti alla cottura di un Pan di Spagna o di un soufflé. Scagli il primo pasticcino chi non ha mai mostrato alcun dubbio sul potere addensante della colla di pesce o dell'agar agar. Senza esagerare, come mio solito, credo sia una cosa normale provare emozioni se si fa qualcosa che ci appassiona.

Allo stesso modo quello che c'è dietro ad una foto lo sa solo chi l'ha scattata. Il dilemma interiore (sì, anche qui) della scelta dello sfondo, delle posate, della sistemazione. La ricerca, a volte frustrante, della luce adatta o della luce e basta, visto i giorni grigi e uggiosi che si sono succeduti in questa primavera. Alzi la mano, quindi, chi non ha mai perso la pazienza di fronte ad una foto poco riuscita nonostante gli innumerevoli scatti. Scagli la prima pellicola chi non ha mai fotografato il suo piatto in un posto assurdo in cerca della luce perfetta. Io l'ho confessato ieri su Twitter, il #PostoPiùStranoDoveHoFotografato è un piedistallo per statue perché era l'unico posto con un po' di luce nella stanza. E voi? Qual è il vostro? Resterà solo tra noi e le foto che avete fatto ;)




{Torta al cioccolato e burro di arachidi}


Per la torta:
180g farina 00
20g cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato
200g zucchero
60 ml olio di arachidi
i semi di mezza stecca di vaniglia
100g cioccolato fondente 55%
50g cioccolato fondente 70%
300ml latte
un pizzico di sale


Per la crema al burro con meringa svizzera alle noccioline:
200g zucchero
4 albumi di uova grandi a temperatura ambiente
i semi di mezza stecca di vaniglia
120ml burro di arachidi (qui la ricetta per farlo in casa)
12 cucchiai di burro morbido a temperatura ambiente
un pizzico di sale


Per il croccante di arachidi:
125g arachidi non salate
80g zucchero di canna
2 cucchiai di acqua


Accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C.
Imburrate e infarinate uno stampo a cerniera tondo da 23cm.
Setacciate la farina con il cacao e il bicarbonato.
Tritate i due cioccolati e fateli fondere con l'olio e il latte aggiungendo lo zucchero, il sale e la vaniglia. Unite il cioccolato alla farina e mescolate con una frusta per eliminare eventuali grumi e rendere l'impasto omogeneo.
Versate nello stampo e cuocete per 35 minuti.
Lasciate raffreddare la torta prima di rimuoverla dallo stampo.


Preparate la crema al burro con meringa svizzera.
In una ciotola di vetro o acciaio unite gli albumi, lo zucchero e il pizzico di sale. Riscaldate gli albumi a bagnomaria posizionando la ciotola su una pentola di acqua bollente. Mescolate con una frusta per 3-4 minuti finché gli albumi sono caldi e lo zucchero è sciolto (temperatura di circa 40°C). Togliete la ciotola dal bagnomaria e montate con le fruste elettriche per 6-7 minuti fino ad ottenere una meringa lucida e densa. Aggiungente il burro di arachidi, la vaniglia e il burro. Mescolate per rendere omogenea la crema e tenete da parte.


Versate lo zucchero di canna in una padella antiaderente, aggiungente l'acqua e mettete sul fuoco medio per un paio di minuti. Unite le arachidi tritate grossolanamente e mescolate con un cucchiaio di legno fino a quando le arachidi non sono completamente ricoperte di caramello dopo circa 6-7 minuti. Togliete dal fuoco e versate le arachidi su un foglio di carta da forno. Lasciate raffreddare completamente facendo attenzione a non scottarvi con il caramello caldo. Quando il croccante è pronto spezzettatelo con le mani.


Glassate la torta con la crema al burro e terminate decorando con i pezzetti di croccante di arachidi.
Servite a temperatura ambiente. La torta può essere conservata in frigorifero, ricordatevi di estrarla dal frigo almeno mezz'ora prima di servirla in tavola.






P.s. vi ricordo che il concorso "Colazione da Zalando" scade a breve, avete già preparato la vostra colazione chic? ;)

21 commenti :

  1. cucinare dolci anche secondo me è la cosa più emozionante da produrre in cucina e questa torta è favolosa!
    baci
    alice

    RispondiElimina
  2. La torta è meravigliosa, bellissima esteticamente e sicuramente golosa. Per quanto ruguarda le foto, sfondi una porta aperta. Io ormai scatto foto in pose assurde, con gli ombrellini e gli stativi che non fanno mai abbastanza luce e schiacciata contro i muri per cercare di acchiappare l'ultimo sprazzo di luce.

    RispondiElimina
  3. Verissimo a realizzare un dolce... c'è una soddisfazione in più! So che è poco elegante da dire... ma sto sbavando davanti alle tue splendide foto... meraviglioso torta, davvero golosa, brava!

    RispondiElimina
  4. Chissà quant'è buona!!!!

    RispondiElimina
  5. Ah ah ah!!! Quante verità in questo post!!!! Per la torta della Comunione di mio figlio 3 settimane fa, ci ho perso un paio di notti di sonno e non scherzo... e vuoi sapere il posto più strano dove ho fotografato.... te lo dico??? In bagno, dove ho i faretti più potenti di tutta casa... ^__^ ci pensi...???!!!!
    Questa torta mi piacerebbe assaggiarla. Ho mangiato il burro di arachidi anni fa in Inghilterra e la concentrazione forte del sapore non me l'ha fatto amare... ma forse farei meglio a riprovare visto che son passati anni e sono molto cambiata anche nei gusti... ^__^
    Baci!!!
    Franci

    RispondiElimina
  6. Un a bomba golosa come piace a me....che goduria,bravissima,baci,Imma

    RispondiElimina
  7. ciao, oggi non è una gran giornata (mi riferisco a tutte le vittime del terremoto) ma sono passata a trovarti perchè non ho resistito a questa delizia... se ti va di postarla nel mio contest mi farebbe piacere..
    http://dolcizie.blogspot.it/2012/04/lalbero-goloso-una-dolce-raccolta.html
    Samaf

    RispondiElimina
  8. io lavorando posso fotografare solo di sera. con risultati poco entusiasmanti, ma grande inventiva: mi sono costruita una light box con dei vecchi cartoni del trasloco :)

    RispondiElimina
  9. ciao che delizia... io l'altro giorno ho preparato una cheesecake al burro di arachidi!!!! E mi piace molto il gusto che danno!!!

    RispondiElimina
  10. come sei stata ben capace di descrivere certi palpiti e alcuni pensieri...come sei stata capace di realizzare questa torta speciale capace di far venire l'acquolina in bocca! veramente complimenti! a presto, Clara

    RispondiElimina
  11. deve essere una vera prelibatezza..complimenti!

    RispondiElimina
  12. Questa è una torta da lasciare stesi!!!
    Io ho scoperto di apprezzare il burro d'arachidi da poco, quindi ben venga questa ricetta per future sperimentazioni! ;o)

    RispondiElimina
  13. Avevo già visto la prima foto su twitter e faceva una gola incredibile. Completata è ancora meglio!!!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  14. Tutto vero, anzi verissimo! L'ansia che ti assale soprattutto se poi non sei tu a mangiarla ma la deve regalare o ti è stata commissionata!!!
    Torta golosissima e già dalla foto molto invitante :) buona serata

    RispondiElimina
  15. urca, che buona dev'essere questa!! con il croccante sopra poi.. yum!

    RispondiElimina
  16. Io trovo bellissima l'altalena di emozioni che si alternano quando si fa un dolce, soprattutto per la prima volta. Stai li in fibrillazione, nemmeno dovessi dar vita ad una pozione anti invecchiamento! Ma sta di fatto che la cucina, per chi la ama è questo. Sia nei successi che nei fallimenti, tutto ci arricchisce.
    E io adoro questa torta, ma è fantastica, oltre che iper golosa!

    Dove ho fotografato...uhm...ah si. Io abito al primo piano ma non ho il giardino, la luce è pessima in casa e...ogni volta devo aprire la porta e mettere il dolce su un minitavolino tentando di cogliere bene la luce che viene dall'esterno, ma ogni volta che sento il portone dei vicini aprirsi mi scapicollo a richiudere nemmeno stessi mantenendo il segreto di Fatima!

    RispondiElimina
  17. Ma non era finita a stagione del cioccolato???
    Con piacere vedo di no!!! :D
    Il sospiro di sollievo quando gli altri assaggiano..oh, quanto è vero!!! ;)

    RispondiElimina
  18. Complimenti per questo splendido dolce! Sembra golosissimo!!!! Bacione

    RispondiElimina
  19. troppo buona! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  20. Ommamma. Sappi che le tue glasse (anche le torte eh, ma le glasse in modo speciale) mi stanno distogliendo dal libro di diritto penale!! Se mi bocciano è colpa tua :P ;)

    RispondiElimina
  21. sembra deliziosaaa!!! da rifare!!!

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola