giovedì 27 ottobre 2011

Una favola di dolce: *Babka cioccolato e cannella - Chocolate cinnamon Babka*



C’era una volta...Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. (Pinocchio, C.Collodi)
Non proprio, non subito almeno. C'era una volta un dolce. Era una torta antica, fatta di sapori semplici, casalinghi. Anche il suo nome sapeva di casa: babka, che nelle lingue dell'Est significa "nonna".

Forse il nome derivava dalla forma originale, una ciambella a strati che ricordava una vecchia gonna con le sue sottane, le sottovesti e il grembiule. In origine era ripiena solo di cannella e uva passa poi, quando le case divennero meno povere, venne il cioccolato. Era il dolce delle feste, del Natale e della Pasqua, e delle tavole dei re.
C'era una volta un re, si chiamava Stanislaw. Dicono che fosse molto goloso e che, imbevendo un pezzo raffermo di babka nel liquore, abbia inventato il babà ma questa è un'altra storia...

La ricetta di questa babka proviene, con qualche adattamento, da "Peter Reinhart's Artisan Breads Every Day" uno dei miei libri preferiti sul pane e sui dolci lievitati. Tutte le ricette sono spiegate alla perfezione, alcune hanno le foto dei vari passaggi per guidare il lettore/aspirante panettiere nelle preparazioni più difficili. Sfogliando le sue pagine alla ricerca di un dolce per la colazione ho trovato questa babka. Quando mi imbatto in dolci stranieri cerco sempre qualcosa sulla loro storia. Mi piace scoprire come è nato un dolce e quando viene preparato. Non so, è come se così sentissi più vicine preparazioni così lontane dalla mia cultura per poi scoprire che tutta la pasticceria è unita in qualche modo (che pensiero profondo eh?). Chi l'avrebbe mai detto che il babà è il nipotino della babka? :D
Con il passare del tempo i dolci delle feste sono arrivati nella cucina di tutti i giorni ma potrebbe essere un'idea carina preparare questo Natale dolci dalle varie parti dell'Europa o del mondo. Perché no? Soprattutto se sono dolci come questo che non hanno bisogno di ingredienti particolari o introvabili in Italia.

Ai dolci di Natale di tutto il mondo è dedicato il contest organizzato da Open Kitchen. Volete saperne di più? In palio ci sono (rullo di tamburi...) 1 Lavazza a "Modo Mio"Extra e (udite udite!) una notte con  colazione per due persone al “Boscolo Etoile Hotel”a Tuscania! Le migliori ricette compariranno anche sul numero di Natale del magazine. Non vi piacerebbe ricevere un regalo di Natale del genere? ;)

Clicca qui per il regolamento

*****





{Babka cioccolato e cannella}


Per l'impasto:
20g lievito fresco
180ml latte tiepido
85g burro morbido
85g zucchero
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
4 tuorli di uova medie
425g farina manitoba
un pizzico di sale


Per il ripieno:
250g cioccolato 50%
1 cucchiaio di cannella
55g burro


Sciogliete il lievito nel latte tiepido e mettete da parte.
Con le fruste montate il burro con lo zucchero e aggiungete un tuorlo alla volta amalgamando bene prima di ogni aggiunta.
Unite alle uova la farina setacciata e il sale e mescolate aggiungendo il latte con il lievito poco alla volta.
Trasferite l'impasto su una spianatoia e impastate per un paio di minuti fino ad ottenere un impasto morbido e compatto. Trasferite l'impasto in una ciotola di vetro leggermente unta di olio o di burro, coprite con pellicola per alimenti e lasciate lievitare per 2 ore e mezza circa. Se la temperatura nella stanza è elevata possono bastare 2 ore.


Mentre l'impasto lievita preparate il ripieno.
Sciogliete il cioccolato con la cannella e  il burro a bagnomaria posizionando cioè una ciotola su un pentolino con acqua  che sobbolle a fuoco bassissimo. 
Versate il cioccolato su un foglio di carta da forno che avete unto leggermente con un po' di burro. Stendete il cioccolato in un rettangolo di circa 40x 60 cm. In pratica dovrà risultare più piccolo di un paio di centimetri per lato della babka una volta stesa.
Lasciate rassodare il cioccolato. Se lo mettete a riposare in frigo toglietelo almeno mezz'ora prima di stendere la babka.
Trascorsa la prima lievitazione stendete la babka ad uno spessore di un paio di cm e in modo che sia più grande dello strato di cioccolato che avete preparato per il ripieno.
Staccate il cioccolato dalla carta forno, posizionatelo sulla babka e arrotolatela. Con un coltello affilato dividete il rotolo in due per il senso della lunghezza, in questo modo avrete i vari strati di cioccolato in bella vista. Intrecciate con cura le due parti e lasciate lievitare per altre due ore.
Infornate a 180° per 50 minuti, ruotando la teglia a metà cottura. La babka tenderà a scurirsi per la presenza dello zucchero e delle uova nell'impasto. Lasciate raffreddare prima di servire.


*****


{Chocolate cinnamon Babka}



Dough:
20g fresh yeast
180ml lukewarm milk
85g soft butter
85g sugar
1 tsp vanilla extract
4 medium egg yolks
425g Manitoba flour
pinch of salt


Filling:
250g chocolate 50%
1 tbsp ground cinnamon
55g butter


Whisk the yeast into the lukewarm milk until dissolved.
Cream the butter and sugar together until smooth. Add the vanilla extract to the egg yolks then add the yolks to the sugar, mixing until each is incorporated before adding the next. Add the flour and salt, then pour in the milk mixture and continue to stir for about 2-3 minutes.
Transfer the dough to a floured work surface and knead by hand for 2 minutes more, adding more flour as needed to make the dough pliable.
Place the dough in a clean bowl greased with butter or oil, cover the bowl tightly with plastic wrap and leave at room temperature for about 2½ hours.
Prepare the filling while the dough is rising. Melt the chocolate with butter and cinnamon and spread it on a sheet of parchment paper or silicone baking mat, then refrigerate it until firm.
Once the dough has risen, roll it into a 42x62 cm rectangle on a lightly floured surface. Cover the rolled out dough with the chocolate, then roll the dough into alog. Using a metal pastry blade, cut the log down the middle lengthwise. Cross one piece over the other, then continue to crisscross the pieces in both directions to form a braid.
Let rise for about 2 hours.
Bake at 180°C for 50 minutes, rotating the pan halfway through cooking. Cool for at least 90 minutes before serving.

34 commenti :

  1. veramente da leccarsi i baffi!

    RispondiElimina
  2. Particolarissimo...non lo conoscevo! Ma già che c'è la cannella entrerà nei miei preferiti!

    RispondiElimina
  3. il contest interessantissimo, certo.. però non puoi mettere una ricetta con relativa foto di una roba così buona.. distrae! non ricordo più di cosa parla il contest... no, davvero, qiesto dolce è fenomenale, sa proprio di casa hai ragione..

    RispondiElimina
  4. e si... da una ricetta ne nasce un'altra e poi una ancora... e così via... splendida ricetta e splendido post! un bacione Ely

    RispondiElimina
  5. A parte la ricetta deliziosa...mi piace il suo aspetto, grazie, baci, Flavia

    RispondiElimina
  6. Che splendido dolce Ann, golosissimo!!!!!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia!!!Questo dolcino mi sa che te lo copio!

    RispondiElimina
  8. Tutto veramente incantevole...proprio come una fiaba golosa ;-)

    RispondiElimina
  9. Adoro Peter Reinhart e la tua Babka è la più bella tra quelle che ho visto fotografate sui vari blog di cucina, davvero una meraviglia!

    RispondiElimina
  10. Complimenti per il blog stupendo mi sono unita subito ai sostenitori e divina la ricetta e tutto il post!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  11. il babà nipote di babka simpatico :D ricetta salvata! semplice e davvero particolare!

    RispondiElimina
  12. Davvero molto bello!
    Mi piace questa ricetta, complimenti.

    RispondiElimina
  13. Che splendoreeee!brava! baciotti!

    RispondiElimina
  14. QUesta te la copio all'istante! Posso vero? Perchè è una vita che cercavo la ricetta di questo dolce e...dopo averla vista in foto da te mi è venuta l'acquolina in bocca!!!!

    RispondiElimina
  15. Oh, finalmente un po' di tempo per vagare nelle cucine telematiche altrui ( altrimenti va a finire che ci scambia idee solo su twitter! ;) ).
    Questo dolce è davvero interessante, con tutta la storia che si porta dietro...lo consideriamo quindi un avo? ;)

    Un abbraccio, Buona Serata!

    Francesca (www.singerfood.com)

    RispondiElimina
  16. sono stupendi, così piccoli e con tanta eleganza al loro interno. un bacione

    RispondiElimina
  17. cioccolato e cannella...yum! Um mix perfetto!

    RispondiElimina
  18. E' splendido, complimenti!
    Adoro i lievitati, ricetta salvata alla velocità della luce! :)

    RispondiElimina
  19. Grazie davvero a tutte :)
    @Francesca(SingerFoodeChiacchiere): noooo, gli avi nooo! :D Io sono solo un'umile popolana (per la serie: linguaggio in codice tra chi segue MasterChef su Twitter xD)

    RispondiElimina
  20. un biscotto anche a me, perchè è giovedì, e mi tocca superare anche venerdì per avere diritto al super week end!
    Adoro la cannella nel dolci (ma anche sul cappuccino al bar!!!)

    RispondiElimina
  21. Una splendida ricetta per una torta meravigliosa. Che golosità con tutto quel cioccolato all'interno...

    RispondiElimina
  22. Adoro i lievitati e questo mi piace particolarmente.
    Molto belle anche le foto.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  23. che meraviglia di ricetta!!!! mi piace moltissimo! Un bacione

    RispondiElimina
  24. che vista meravigliosa! immagino, poi, il profumo, la fragranza.. ti faccio un grande in bocca al lupo per il contest:-)

    RispondiElimina
  25. Bella la storia e buonissimo il dolce! In bocca al lupo per il contest! Buon fine settimana, Laura

    RispondiElimina
  26. Che dire? bellissimo, originale, romantico nella sua storia... insomma perfetto. Ann cara in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  27. Ciao, mi sono unita ai tuoi sostenitori! Vedo che hai un bellissimo blog e da oggi ti seguo. Delizioso questo dolcetto variegato, quanto la sua storia! A presto...

    RispondiElimina
  28. non ne avevo mai sentito parlare! caspita che bontà! bravissima!!! un bacio :)

    RispondiElimina
  29. Eh bè eh bè...questa ricettina ha il suo bel perchè....Me la devo segnare tra le cose buone da fare!!!
    Ciao Lorena "idolcidilory"

    RispondiElimina
  30. Che meraviglia! Complimenti!!!

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola