venerdì 30 settembre 2011

*Pastarelle al lievito madre - Sourdough Pastarelle*




A casa mia si chiamano "pastarelle" questi biscotti da latte.
Mia nonna mi mandava a comprarli una volta a settimana al forno davanti alla mia scuola elementare e spesso lì ci trovavo le maestre, le bidelle e gli altri bambini: tutti a comprare questi biscotti o una fetta di pizza appena sfornata. Una volta portati a casa non li mangiavamo mai caldi ma aspettavamo il mattino seguente a colazione o meglio, i grandi non li mangiavano mai caldi...
Da piccola li inzuppavo in qualunque cosa liquida: caffellatte - quello finto con l'Orzo Bimbo - cioccolata calda e tè freddo. Quei biscotti assorbivano tutto come una soffice spugna disfacendosi in bocca in una pappa densa e dolce. Le pastarelle sono le mie madaleines proustiane.
Ho anche un'altra ricetta, e se ne trovano tante simili su internet, dei biscotti da latte che utilizza l'ammoniaca alimentare come agente lievitante. Questi biscotti sono, invece, a completa lievitazione naturale: solo lievito madre, ingredienti genuini e tanta pazienza.




***** 


{Pastarelle al lievito madre}
x10 biscotti

100g lievito madre
1 uovo medio a temperatura ambiente
50g burro morbido
80g zucchero
175g farina manitoba
50ml latte tiepido
1 cucchiaio essenza di vaniglia
2 cucchiai miele millefiori
1 cucchiaio latte

La sera prima. Sciogliete il lievito madre nel latte tiepido e tenete da parte. Montate il burro con lo zucchero, aggiungete l'uovo e mescolate finché è ben amalgamato. Aggiungete l'essenza di vaniglia, il lievito madre sciolto e unite la farina poco alla volta. Fate attenzione a non far asciugare troppo il composto. Con un cucchiaio da gelato distribuite il composto in circa 10 porzioni su una teglia antiaderente. Lasciate riposare nel forno spento e chiuso tutta la notte. Non preoccupatevi se il vostro lievito madre è debole e i biscotti non sembrano lievitare perché si gonfieranno comunque in cottura.
Il mattino dopo. Sui biscotti si sarà formata una specie di crosticina molto sottile. Riscaldate il forno a 180°C. Spennellate i biscotti con il miele e il latte e infornate per 18 minuti circa o finché hanno assunto un bel colore dorato. Appena sfornati sono molto morbidi, nei giorni successivi (se ci arrivano integri) sono la fine del mondo inzuppati nel caffellatte.

*****
{Sourdough Pastarelle (Giant soft cookies)}  
makes 10

100g mother starter 
1 medium egg
50g butter softened
80g sugar
175g Manitoba flour
50ml lukewarm milk
1 tbsp vanilla extract
2 tbsps honey
1 tbsp milk

The night before.  Dissolve your mother starter in lukewarm milk and set aside.  Whip the butter with the sugar, add egg and stir until it is well blended.  Add the vanilla essence, the dissolved yeast and the flour a little at a time. Be careful not to dry out the mixture.  With an ice cream scoop spread the mixture into about 10 pieces on a nonstick baking sheet.  Let stand in oven all night. Don't worry if your yeast is weak and the cookies do not seem to rise:  they will rise during cooking. The next morning.  The cookies will have formed a kind of very thin crust.  Preheat the oven to 180 ° C.  Brush the cookies with honey and milk mix and bake for about 18 minutes.  

24 commenti :

  1. Hanno un'ottimo aspetto! E... mi diverte che ho una tazza identica! :-D
    Buon wekkend!
    Silvi

    RispondiElimina
  2. Che buoni questi biscottoni che profumano di casa e colazione! Complimenti per averli realizzati con il lievito madre! Bello il nuovo styling del tuo blog! Baci e buon we

    RispondiElimina
  3. Buoni!!! biscotti con lievito madre, da provare assolutamente!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi inzupposi come piacciono a me!1 li farò di sicuro ma senza lievito madre :( lo avevo !!
    Anche io ho la tua stessa tazza ^_*
    bravissima buon W.E.
    Anna

    RispondiElimina
  5. Mi ricordano tanto quelli che anche io mangiavo a colazione da bambina e che compravo al panificio vicino a casa...ora intanto provo a rianimare il mio trascuratissimo LM!! :D , buon weekend, Flavia

    RispondiElimina
  6. anche noi i semplici biscotti li chiamiamo pastarelle! sono buonissimi per il latte! devo rifare il lievito madre! ottimi davvero hanno un bell'aspetto!

    RispondiElimina
  7. riportano davvero ai ricordi di bimba!!!
    ma sai che non sapevo si facessero con pasta madre??
    sei bravissima..poi messi nell'orzo bimbo...io veramente tutt'ora puccio i biscotti nell'orzo bimbo!!!
    ciao carla

    RispondiElimina
  8. Quella tazza l'ho da quando ero piccola, se non sbaglio era un vasetto di Nutella in edizione speciale. A casa dei miei ne ho un set intero, quella è la mia personale che ho portato con me quando ho traslocato =P
    @Carla, non so se nei forni utilizzano la pasta madre per questi biscotti io ho provato a farli così per ravvivarla un po' :)

    RispondiElimina
  9. Molto belli questi biscotti..sanno di tè delle cinque..di casa..sembra di sentirne il profumo.Brava..

    RispondiElimina
  10. boni, vien voglia di prepararsi una mega tazza di latte in cui tuffarne... almeno una dozzina

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo questi biscotti, ma immagino che siano deliziosi...e poi la tua introduzione li ha resi speciali e solo per questo meritano di esser assaggiati! Intanto mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  12. E' pure l'ora giusta... Faccio colazione e vorrei avere un paio di questi biscotti ultra-natural!
    Mi segno la ricetta, un abbraccio Ann e buon we

    PS: mi piace di più questa nuova veste :)

    RispondiElimina
  13. Mi piace questa ricetta con pm, me la sono segnata!
    Buon we.

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia e quanti ricordi. Assomigliano ai biscotti che mangiavo da bambina nel latte, inzupposissimi. Non erano fatti con il LM ma li chiamavo anch'io pastarelle. Mi ha fatto emozionare vederli nella vecchia tazza della Nutella. Un bacio, buona serata

    RispondiElimina
  15. Uhmamma che meravigliosa visione Ann!!!!

    RispondiElimina
  16. E' stupenda questa ricetta! La proverò prestissimo senza glutine! Me la segno immediatamente.
    Grazie :)

    RispondiElimina
  17. troppo buoni e con la classica tazza della nonna,la mia ne aveva una 20ina rendi proprio l'idea di biscotti della nonna.bravissima

    RispondiElimina
  18. questa ricetta è favolosa per diversi motivi: l'uso della pm con la crosticina finale, le foto stupende e quella tazza, quella tazza che mi parla della mia infanzia e che adoravo, ed ora non l'ho più. ero molto piccola, ma sai che quasi giurerei fosse della nutella???

    RispondiElimina
  19. @Rossella: sì, ricordi bene:era una tazza della Nutella :D E' la mia tazza personale da colazione da quando ero piccola *_*

    RispondiElimina
  20. domani li faccio, cioè, cotti per sabato mattina! non vedo l'ora! :)

    RispondiElimina
  21. Fatti, fotografati, postati!!!
    Sono buonissimi!!!
    Grazie mille! :)

    RispondiElimina
  22. cercavo dei biscotti da latte,con lievito madre..ho letto questa ricetta,su un blog di una tua amica,che riportava il link a te..volevo dirti che li ho provati e sono veramente deliziosi!!pubblico la ricetta sul mio blog ed allego il tuo link..grazie ancora e complimenti per le tue straordinarie ricette!lieta di conoscerti e buon pomeriggio ;0))

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola