lunedì 31 gennaio 2011

Mini Oreo Cheesecake e un premio



Ci sono due scuole di pensiero sul modo corretto di mangiare un Oreo: la prima, quella dei puristi, dichiara che il gusto del suddetto biscotto esplode solo addentandolo nella sua forma completa, la seconda scuola di pensiero preferisce destrutturare (come si direbbe nell’alta cucina) il biscotto, aprendolo e iniziando a gustarlo dalla crema per passare solo alla fine alle parti croccanti al cacao.
Da parte mia ho una mentalità aperta, passo da un metodo all’altro a seconda del momento. Quando ho visto questa ricetta sono corsa subito a nascondere la bilancia e a prendere lo stampo per muffin.
L’idea proviene da Cupcake di Martha Stewart. Ho un debole gastronomico per i suoi dolci, anche se ogni volta che devo convertire le quantità degli ingredienti mi sembra di fare un compito di algebra. Giusto ieri ho scoperto, ammetto la mia ignoranza, che 1 cup di farina non equivale ad 1 cup di zucchero. E 1 cup di zucchero inglese non equivale mica a 1 cup di zucchero americana. Eh, troppo facile altrimenti. Troppo difficile e astruso il sistema metrico decimale dove 100g di zucchero sono 100g di zucchero in tutto il mondo… Qui vi assicuro che le dosi sono esatte, ho controllato due volte e mi sono sacrificata ad assaggiare la prima cheesecake. E’ dolce ma non stucchevole grazie ad una leggera punta di acidità. Possono essere un’idea simpatica per un buffet dolce e, infatti, con questa ricetta partecipo al concorso Finger Food del blog l'appetito vien leggendo .





Mini Oreo Cheesecake {di Martha Stewart}

Ingredienti per 12 mini cheesecake

20 biscotti Oreo
400g di formaggio cremoso tipo Philadelphia
110g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 uova grandi
110ml di panna acida (in alternativa 110ml di yogurt bianco cremoso)
un pizzico di sale
12 pirottini per muffin
stampo per muffin


Riscaldare il forno a 130°
Posizionare i pirottini nello stampo per muffin e mettere 1 Oreo in ogni stampino.
Con una frusta elettrica montare il formaggio per 1-2 minuti, fino a che non assumerà un aspetto simile alla panna montata.
Incorporare lo zucchero, mescolare e aggiungere la vaniglia. Aggiungere un uovo alla volta, continuando a mescolre con le fruste, aggiungere la panna acida, il sale e il resto degli Oreo sbriciolati. 
Riempire gli stampini e cuocere per 22 minuti.
Far raffreddare completamente la teglia e raffreddare le cheesecake negli stampini per almeno 4 ore o per tutta la notte. Estrarre dal frigo qualche minuto prima di servire.




 E ora vorrei ringraziare Laura di Zampette in pasta per il premio che mi ha regalato.



Le regole per questo premio sono:
-ringraziare la/il blogger che ci ha inviato il premio
-raccontare sette cose su di sè
-passare il premio ad altri 10 blog (che non devono sentirsi obbligati nel continuare la catena).


7 cose su di me
*Ho da poco compiuto 29 anni
*nel tempo libero amo leggere, quando non sono in cucina a pasticciare
*accumulo riviste di cucina che poi non uso quasi mai
*mi rilassa stirare e invece
*odio lavare i piatti
*non mi perdo una puntata di Glee
*spero di partecipare ad un gruppo di lettura (tra l'altro su aNobii stiamo cercando di organizzarne uno per Roma se qualcuno è interessato...)


Visto che sono tanti i blog che seguo (anche silenziosamente) e che ammiro ne ho scelti 10 in modo casuale e alfabetico, ma questo premio è in realtà per tutti i blogger mia costante fonte di ispirazione :)


(parentesiculinaria)
al cibo commestibile
biscotti rosa e tralala
che gusto sa???
dolcetti d'oltre oceano
essenza di vaniglia
feel cook
i dolci di laura
Mezzaluna
note di cioccolato

28 commenti :

  1. Mi piacciono molto questi dolcetti anche perche' amo le monoporzioni!!!Bravissima mi aggiungo ai tuoi sostenitori se ti fa piacere passa a trovarmi!!!A presto!!!

    RispondiElimina
  2. Io adoro gli oreo e tutte le scuole di pensiero a riguardo... anche pucciati nel latte hanno il loro bel perche'!!!!!
    Bella ricettina!
    Buona giornata
    Paola

    RispondiElimina
  3. Anche io trovo il sistema in cup particolarmente ostico e tempo fa ne parlai in un post perchè ero impazzita per fare una torta alle albicocche proveniente da un blog americano. Riguardo gli Oreo che dire: io me li mangio tutti interi perchè così faccio più veloce e mi piace sentire tutti i sapori insieme...Però anche destrutturati, specie quando ero più piccola me li mangiavo di gusto...Queste mini cheesecake invece sono una gran trovata e anche io avrei fatto il sacrificio di assaggiarne una! Grazie mille per aver partecipato al contest...Corro ad inserirti tra le partecipanti. A presto. Un bacione

    RispondiElimina
  4. No, ma dico... sei riuscita a ingolosire ulteriormente il famoso biscotto!
    L'hommo invece sostiene che raggiunge il suo massimo inzuppato nel latte freddo...
    Per i riferimenti ai vari "cup" ti linko un post che ho trovato davvero utile
    ( http://cuochella.blogspot.com/2010/07/tabella-di-conversione-cupgrammi.html ).
    Grazie, tesora, per il premiucciu! Io non li prendo mai, ma ti prego di considerare come l'avessi fatto.
    Un premio grandissimo è che tu abbia provato i biscotti... ma sai che mi sono emozionata??? :D

    RispondiElimina
  5. ehmm... io non li ho mai provati ne mai visti... si trovano facilmente? che idea golosa trasformarli in cheesecake! ciaooo Ely

    RispondiElimina
  6. Grazie Mille per il premio, ti ho ringraziato pubblicamente con il mio nuovo post! E buonissime queste mini cheesecake, anche io ho il libro di Martha Stewart e li ho fatti spesso! Yum!

    RispondiElimina
  7. Che belle queste oreo cheesecake! Sulla metodologia di assaggio del suddetto biscotto, io sono del partito "il primo lo addento, il secondo lo apro e lecco la crema" :)

    RispondiElimina
  8. Gli oreo li compro spesso mi piacciono tanto e che bella ricettina
    bravissima cara
    un bacione Anna

    RispondiElimina
  9. Grazie per il premio! :)
    Carina la ricetta! io gli oreo (e i biscotti ripieni) li mangio in entrambi i modi... dipende dalla giornata :9
    a presto

    RispondiElimina
  10. Buonissimi questi mini cheesecake fatti con gli oreo, bellissima e golosa idea!!! complimenti anche per il premio, bacioni :)

    RispondiElimina
  11. grazie mille per il tuo rpemio! festeggiamo con un dolcino?:D

    RispondiElimina
  12. grazie mille per premio!! Effettivamente è il primo che ricevo per cui ti ringrazio 2 volte. Sabato ci sei a Viareggio? Magari ci incontriamo.

    RispondiElimina
  13. Sai che non ero a conoscenza di una differenza tra i vari cup di zucchero, di farina, inglesi e americani? uniformarci tutti no, eh? boh. Impazziremo dietro tutte queste misure. Menomale che però quando si riescono a decifrare i risultati sono sorprendenti come quelli di questa oreocheesecake.
    Riguardo le scuole di pensiero, io sono per la destrutturazione del biscotto :D

    RispondiElimina
  14. Ho visto gli Oreo per la prima volta negli States...erano un tormentone!!
    Sempre negli States ..ho provveduto a comprare cups and spoons...così ora non divento più matta a fare le conevrsioni, dal momento ceh la matematica non è mai stato il mio forte!!! Buona serata e grazie per questi dolcettini da provare!!!

    RispondiElimina
  15. Ma sai che io gli oreo li ho assagiati per la prima volta qualche giorno fa?
    E pare che fossi rimasta l'unica che non li conosceva. Qui mi sembrate tutte delle sperte di oreo :D
    Comunque questi mini cheese cakes sono deliziosi!
    Da provare assolutamente!
    Un bacione

    RispondiElimina
  16. Io li ho sempre mangiati "destrutturati" nel senso che eliminavo la crema e mangiavo il biscotto! E lo faccio anche adesso! le tue mini cheese cake sono deliziose da vedere e molto golose.
    Grazie infinite per il pensiero, sei stata molto carina. Accetto con piacere il premio, aggiorno il post in cui ne avevo parlato.
    Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  17. Grazie davvero a tutte :)

    @(parentesiculinaria) : vado subito a sbirciare il link, magari mi schiarisce le idee tra cup, tbsp, tsp e via dicendo :D

    @Ely: ormai gli Oreo si trovano in tutti i supermercati grandi. Sono dei biscotti farciti, tipo i nostrani Ringo, buonissimi ma che avranno di sicuro qualcosa di chimico perché danno dipendenza =P

    @EliFla: credo che prenderò anche io, prima o poi, i misurini anglosassoni ma, sarà perché sono abituata o precisina, ma mi fido di più di grammi e ml =P

    RispondiElimina
  18. @Aurore: io vivo a Roma :) non sono mai stata a Viareggio, magari è una città da visitare in futuro ;)

    RispondiElimina
  19. Grazie mille Ann!
    un abbraccio, MARA

    RispondiElimina
  20. E' proprio bello il tuo blog, questo stavo pensando!
    ed è bello scoprire qualcosa, su chi si "nasconde" dietro ad un blog,....si scoprono sempre cose interessanti:)
    Baci

    RispondiElimina
  21. direi buonissimi un vero finger food molto goloso ed interessante.complimenti e grazie di aver partecipato!

    RispondiElimina
  22. un torrimo e goloso finger food.molto gustoso e molto particolare!

    RispondiElimina
  23. Troppo carine queste oreo cheese cake!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao, complimenti per queste stupende e golose mini cheesecake! Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  25. http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/

    RispondiElimina
  26. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  27. belli!!! davvero belli ed originali!!!!
    complimenti, molto carina questa ricetta e poi fanno un figurone! Brava brava!!!
    a presto,
    ciaooooooooooo

    RispondiElimina
  28. Una ricetta fantastica! Copiata immediatamente!

    RispondiElimina

{Blog Etiquette}
I commenti sono moderati perché qui:
non si urla scrivendo in maiuscolo
non si spamma
non ci si comporta con malagrazia verso gli altri lettori
si esprimono le proprie idee educatamente
si sta composti a tavola